Architetture Romantiche – Un amore di isola

Architetture Romantiche
Indubbiamente il denaro offre tante possibilità in ogni settore e, anche se non può ancora comprare l’amore, ha la capacità di trasformare un pensiero creativo in un capolavoro ingegnoso ed originale, che con il trascorrere del tempo diventa un’icona, un simbolo immortale del sentimento che lo ha generato. Sareste stupiti di sapere quante opere ambientali e architettoniche sono state realizzate, o rivisitate, in nome dell’amore.

In occasione del San Valentino, abbiamo scelto per voi quelle che ci sono sembrate più suggestive e particolari.


UN AMORE DI ISOLA

Galesnjak è un’isola a forma di cuore situata in prossimità della costa della Croazia. 108mila metri quadrati che non avevano mai destato alcun interesse fino a quando l’ignaro proprietario, Vlado Juresko, digitando per caso il nome dell’isola su Google Earth, ha subito notato la sagoma inconfondibile di un cuore. Dopo averla ribattezzata “Isola degli innamorati”, l’imprenditore croato ne ha ricavato un business alquanto redditizio, organizzando tour e soggiorni per tutte le coppie in cerca di un luogo romantico e tranquillo. Vista la notevole affluenza di richieste, che arrivano da tutto il mondo, è necessario prenotare con un largo anticipo, sia che si tratti di brevi visite via nave, sia che si desideri organizzare un matrimonio in loco. Per chi ama l’avventura, poi, è possibile effettuare anche il lancio con paracadute direttamente sull’isola (in tandem, ovvero lancio assistito da un istruttore, per chi non ha esperienze). Il tutto corredato con foto e video ricordo. L’imprenditore croato ci ha preso gusto al punto di volersi trasformare in un “tour operator dell’amore”, creando una rete con altre isole, dalla stessa forma, sparse per il mondo.


NEL CUORE DELLA FORESTA

Per anni, l’agricoltore inglese Winston Howes, ha curato amorevolmente una macchia boscosa, cresciuta sul suo terreno, donandogli la forma di un cuore. Questa oasi di pace, che si è costruito con le sue mani, ha lo scopo di ricordare il suo amore per la moglie Janet, venuta a mancare ad appena 50 anni di età per un attacco di cuore. Forse proprio per compensare il cuore che l’ha tradita, Winston ha deciso di regalargliene uno nuovo fatto di alberi: un prato verde circondato da migliaia di querce, realizzato nel mezzo del nulla. Non è ovviamente visibile in alcun modo dai dintorni, ma soltanto dall’alto: grazie alle moderne tecnologie, la sua creazione si è palesata ad alcuni curiosi che hanno cominciato a fare domande, finché la storia non è stata riportata alla stampa, e un guidatore di mongolfiera ha scattato per primo la foto che ha mostrato al mondo il capolavoro di Winston, rendendolo una celebrità.


IN MEMORIA DELLA SPOSA

Il famosissimo Taj Mahal è considerato uno degli edifici più belli e affascinanti, tanto che dal 2007 rientra nelle sette meraviglie del mondo. Tagore l’ha definito: “una lacrima di marmo poggiata sulla guancia del tempo”. Situato sulle rive del fiume Yamuna, ad Agra, nell’India Settentrionale, è stato costruito nel 1631 dall’imperatore Shah Jahan, in memoria della sua seconda moglie, Mumtaz Mahal, una principessa originaria della Persia, morta dopo aver dato alla luce il suo quattordicesimo figlio. La sua morte è stata un vera tragedia per l’imperatore, al punto che i suoi capelli e la sua barba nel giro di pochi mesi sono diventati completamente bianchi per il dolore. Il Taj Mahal sorge su una base di pietra arenaria rossa, sormontata da un enorme terrazzo di marmo bianco, sul quale si posa la famosa cupola affiancata dai quattro minareti affusolati. La sua particolare posizione, in prossimità del fiume, consente alla luce, cangiante durante le ore del giorno e a seconda delle stagioni, di conferire al Taj Mahal riflessi di colori che lo rendono sempre diverso.


“ASPETTANDO AGNES”

Edward Leedskalnin, nato in Lettonia, all’età di 26 anni è stato abbandonato da Agnes, la fidanzata sedicenne, il giorno prima delle nozze. In seguito alla profonda delusione ha deciso di costruire un intero castello per fare colpo sull’amata. In Florida scopre un particolare tipo di pietra locale, bellissima ed estremamente pesante, chiamata Coral Stone, la pietra di Corallo e la sceglie per realizzare il suo ambizioso progetto. Con la sola forza delle sue braccia e con l’ausilio di pochi rudimentali attrezzi come carrucole, corde, martelli e scalpelli estrae e scolpisce più di 1.100 tonnellate di roccia corallina. Ancora nessuno tra scienziati ed ingegneri, è riuscito a dare una spiegazione fisica sul metodo di costruzione usato da Leedskalnin: l’artefice di questa incredibile opera architettonica, è morto poco tempo prima di svelarne il segreto. La straordinaria storia che ha dato origine a Coral Castle ha ispirato Billy Idol a scrivere la canzone “Sweet Sixteen”, il cui video è stato girato all’interno del castello stesso.

Rubrica a cura della Redazione

Redazione

La Prima e Unica Rivista di Casa della Repubblica di San Marino e Circondario.

La Maison e Lifestyle Magazine