Cersaie 2018. Salone Internazionale dell’Arredobagno e della Ceramica per l’Architettura

Il Cersaie è l’appuntamento internazionale con il design bagno, spaziando dalle superfici all’arredo, in cui le grandi aziende incontrano architetti, progettisti e rivenditori a cui mostrare in anteprima le novità del settore.
Elisabetta Bartolucci e Giulia Garbi di Geb Openspace, sono andate a curiosare per conto de La Maison e ci parlano di atmosfere naturali e scenografie dal mood vintage.
“Il nuovo stile della casa è un’esaltazione di pattern 3D, texture e geometrie che disegnano le superfici con eleganza contemporanea ed eleggono il bagno a nuovo sofisticato luogo del benessere. Tra le idee da cui prendere spunto troviamo marmi, cementine, smalti e composizioni Art Déco ispirate alla tradizione. Abbiamo selezionato le più interessanti. Ceramica Bardelli collezione Pittorica (1). La parola chiave è geometria. Le piastrelle danno un nuovo volto a pareti e pavimenti attraverso grafiche 3D, formati speciali e texture tattili ispirate ai Seventies. Elementi triangolari, in gres smaltato con micro variazioni che inducono chi le guarda ad avvicinarsi per scoprire ogni piccolo dettaglio. Fap Ceramiche linea Milano&Wall (2). Reinterpreta in stile moderno le texture soft touch con una palette cromatica estremamente attuale; la linea si caratterizza per il raffinato ordito materico in grado di far vibrare le superfici e creare atmosfere sofisticate. Libra thyme di Appiani (3). Piastrella 5×10 dal sapore retrò: aggiunge una nuova dimensione alle superfici, grazie agli effetti dei chiaroscuri e ai giochi di luci e ombre generati dalle geometrie irregolari dei suoi moduli. Cedit by Florim (4). Nella collezione Rilevi firmata da Zaven, sono state progettate formelle tridimensionali, moduli volumetrici che traggono ispirazione da alcuni esperimenti espressivi degli anni Settanta/Ottanta. Il gioco d’ombre sulle superfici delle lastre produce un effetto di profondità architettonica particolare.
Rex by Florim (5). Di attualità, negli ultimi anni, le grandi lastre in grès porcellanato che si trasformano in superfici scenografiche. Venature leggere e sfumature che rievocano il fascino retrò conferendo agli ambienti un’allure deluxe. La collezione trae ispirazione da una selezione di marmi inediti e rari, dal forte impatto decorativo. Étoile de Rex propone superfici morbide e luminose che riportano alla memoria i fasti del passato. La sintesi di una eleganza che nasce dalla sorprendente varietà della natura e dalla tecnologia produttiva fortemente all’avanguardia. Ridefinire la materia mantenendone l’atmosfera originaria contribuisce all’evolversi dello stile.
La collezione di rivestimenti ceramici di grande formato Eclettica di Marazzi (6) ha calamitato la nostra attenzione perché conferisce alla casa un’allure sofisticata e fashion. Rimanda al flower trend del Salone del Mobile, per il quale vestire la casa diventa un gioco di stile, personalizzabile, un po’ naif. Ci ha colpito perché i colori sono intensi e le fantasie macro e di carattere, espedienti efficaci per dare grinta a uno spazio.
La tendenza bagno di colore, quale moderna rivisitazione Seventies in versione ceramica opaca, spicca nella collezione di lavabi T-edge, disegnata da CreativeLab+ per Globo (7), dove i bordi sottili sono ottenuti grazie all’introduzione di un nuovo impasto capace di garantire, a fronte di spessori ridotti, più durezza e maggiore brillantezza. Artesi Artdeco (8), in collaborazione con Agha, presenta il primo pannello ricavato dal riciclo della vetroresina dei termoindurenti espansi. Top Reef design Artesi_Lab è impermeabile come la plastica, antibatterico, flessibile, formaldeide free, resistente ai solventi e 100% riciclato e riciclabile. La combinazione tra sapienza artigianale e sofisticate tecnologie (oggi nel design è sempre più taylor made) si può apprezzare da T progetto Target Group (9). Vere e proprie superfici ceramiche d’autore rendono unici gli ambienti dei grandi progetti di contract, dagli hotels alle boutiques, dalle facciate esterne ai ristoranti esclusivi. Il Cersaie riparte dal bagno, come stanza del benessere e del sé, alla ricerca di un carattere decorativo deciso capace di proseguire l’identità che viene affermata nelle altre stanze della casa. Le gamme ceramiche si contraddistinguono per la ricchezza delle soluzioni, per la preziosità dei materiali e per l’uso stratificato della materia. Un nuovo concetto di superficie quasi couture, di stile dinamico, raffinato, sartoriale e spiccatamente home decor, che si posiziona tra tradizione e sperimentazione.”

geb openspace
Architetto Elisabetta Bartolucci
Agente Immobiliare Giulia Garbi