Dio li fa e poi li accoppia…

Matrimoni assurdi e stravaganti: voglia di protagonismo o desiderio di rimanere fedeli a sé stessi? Curiosando nel web, è facile imbattersi in matrimoni alquanto bizzarri, in cui l’obiettivo principale sembra essere quello di sbalordire, fare in modo che gli sposi e gli invitati vivano un’esperienza insolita e indimenticabile: alcune coppie si cimentano in lanci con il paracadute, altre si travestono per imitare i loro personaggi preferiti o cercano di raggiungere un primato da guinness perché il giorno più importante della loro vita non passi inosservato, ma venga ricordato per sempre.

Questi novelli sposi scelgono lo stile che maggiormente li rappresenta e il modo migliore per poter parlare di sé e della propria storia. Ecco una carrellata di quelli che, secondo noi, sono maggiormente riusciti in questo intento.

LEI SCORPIONE… LUI CENTOPIEDE
Nel giorno più classico e romantico, quello di San Valentino, la coppia della foto ha scelto, per coronare il suo sogno d’amore, di sfoggiare un look tutt’altro che tradizionale. La scollatura della sposa thailandese, Kanjana Ketkaew, è adornata di scorpioni, a ricordare che è questa donna, apparentemente fragile e delicata, a detenere il record mondiale di permanenza in una gabbia di plastica, in cui ha resistito per ben 32 giorni in compagnia di 3.400 scorpioni. Non è da meno il suo sposo, Bunthawee Sengwong, che ha vissuto per 29 giorni in una gabbia assieme a mille centopiedi stabilendo, a sua volta, un record mondiale. A uno di questi insetti sembra essere rimasto particolarmente affezionato, tanto da invitarlo alla sua cerimonia di nozze.


UN GIORNO COME UN ALTRO
Non c’è limite alla bizzarria. Questi due sposi cinesi, addetti alle pulizie ad alta quota delle vetrate esterne dei palazzi, hanno deciso di celebrare il loro matrimonio sospesi per aria. Seduti su un tavolaccio di legno, assicurato con delle corde, si sono detti il fatidico “sì” laddove il loro amore era cominciato, tanto che lo sposo pare abbia dichiarato: “Il nostro matrimonio è romantico, ma anche uguale alla vita di tutti giorni”.


TU MI FAI GIRAR…
Questo è il primo matrimonio a gravità zero, celebrato in Florida. Erin Finnegan e Noah Fulmor sono partiti da Titusville e hanno sorvolato il golfo del Messico a bordo di un Boeing 727 della Zero Gravity Corporation. Dopo aver effettuato sedici manovre paraboliche in un’ora e mezzo di volo, simulando l’effetto “assenza di gravità”, gli sposi si sono scambiati le loro promesse a diecimila metri di altezza. Sicuramente non è un’esperienza per tutti: le manovre antigravitazionali sono solo per chi non ha paura di volare e non soffre di stomaco. E questo vale anche per i due testimoni che li hanno accompagnati. Ma scambiarsi le fedi (con incastonati preziosi frammenti di meteoriti) a testa in giù, era il sogno di questi newyorkesi appassionati di astronomia.


UN MATRIMONIO “SOSPESO”
Due sposi belgi, Jeroen e Sandra Kippers, e i loro venti invitati, sono rimasti sospesi su una piattaforma a circa 50 metri di altezza per tutta la durata della cerimonia ed alla conclusione dell’evento, la coppia si è tuffata nel vuoto per il suo Bungee-Matrimonio. Ma questo non è tutto. Una volta terminata la funzione, gli ospiti e gli sposi sono saliti su un’altra piattaforma per iniziare il pranzo sospeso, il tutto allietato dalla performance della banda musicale, anch’essa su un’altra piattaforma a poca distanza. Sembra che l’impresa sia costata circa 30.000 euro, ma per imitarli non è sufficiente disporre della cifra necessaria: occorre accertarsi che invitati e musicisti non soffrano di vertigini.


DUE CUORI ED UNA GABBIA
I due newyorkesi, April Pignataro e Michael Curry, si sono sposati nel giugno 2010. La sposa indossava una muta bianca e lo sposo una muta tradizionale nera quando sono saliti all’interno di una vasca di squali per sposarsi all’Atlantis Marine World di Riverhead. Entrambi subacquei esperti e protetti da un’apposita gabbia, erano circondati da squali, anguille ed una cernia gigante. Muniti di attrezzatura subacquea e microfoni, hanno detto il fatidico “sì” attraverso un trasmettitore radio, ad un officiante che non hanno potuto portare nella gabbia assieme a loro. Se siete appassionati di sub e state pensando di imitarli, ma non andate pazzi per gli squali, sappiate che nella provincia di Trang, nel sud della Thailandia, nel giorno di San Valentino centinaia di coppie accorrono per celebrare il proprio matrimonio sott’acqua. E per chi è appassionato di storia, una vera chicca: ad Alessandria d’Egitto ci si può promettere amore eterno, tra una bolla di ossigeno e l’altra, nelle acque di fronte al porto, davanti alle rovine inabissate del castello di Cleopatra.


99.999 VOLTE SI
In Cina il numero nove è simbolo di longevità ed eccellenza. Per questo nell’agosto del 2010, Xiao Wang e Xiao Liu si sono sposati a Chongqing, circondati da 99.999 rose rosse. Xiao Wang, ha impiegato un anno per mettere da parte la somma occorrente per l’acquisto di una simile quantità di rose che, per poter essere trasportata, ha richiesto l’utilizzo di ben 30 auto. Senza considerare che è stato necessario chiedere l’aiuto di volontari, attraverso la pubblicazione di annunci su internet, per attaccare tutti quei fiori alle autovetture! Ma lo sposo non sembra essere stato eccessivamente provato dall’immane organizzazione, né pentito dello sforzo compiuto, visto che poco dopo la realizzazione dell’evento, ha dichiarato: “Valeva la pena affrontare tutto, solo per vedere lo sguardo sul suo volto nel momento in cui avrebbe visto le auto”.


PEGGIO CHE IN BRAGHE DI TELA
Siamo in Inghilterra, a Birmingham, dove Kelly Clinton e Lee Wiggets, non avendo le risorse necessarie per organizzare il matrimonio, hanno colto al volo l’occasione presentandosi ad un concorso indetto dalla radio locale ‘BRMB’, che offriva cerimonia e book fotografico all’intrepida coppia disposta a sposarsi senza vestiti. Così, i novelli sposi si sono recati all’altare indossando nient’altro che i loro anelli nuziali ed un bouquet di rose ed orchidee, strategicamente collocati. L’unica cosa che la sposa portava, oltre il bouquet, è stato un lungo velo bianco; lo sposo, invece, “indossava” un cappello nero per coprire la sua virilità. E’ il proprio il caso di dire che quando c’è l’amore, il resto non conta…


MI AMO, MI SPOSO
Stanche di sentirvi chiedere quando vi cercherete un fidanzato e quando vi deciderete a sposarvi? Allora, per mettere fine a questa sequela di domande inopportune e fastidiose, potete fare come lei: la giovane donna cinese, Chen Wei Yih, 30 anni originaria di Taipei, single e felice di esserlo, ha deciso di sposare se stessa per far comprendere ai conoscenti che vuole rimanere da sola. Avete capito bene: un matrimonio senza sposo in cui la giovane Chen Wei Yih, ha giurato fedeltà eterna ad una sola persona: sé stessa. Una scelta originalissima per rivendicare la sua decisione di essere single e di non dovere, per forza, convolare a nozze. La ragazza è anche partita per un “viaggio di nozze”, sempre da sola. Bizzarro forse, ma non si può negare che sia un matrimonio che promette di durare per sempre!