Giorgio Busignani: Fotografo del mese di Aprile 2019

LIFESTYLE Magazine presenta il Fotografo del mese
La copertina di Aprile è stata realizzata dal fotografo Giorgio Busignani.
Ecco la sua intervista completa.

Giorgio Busignani si racconta.
Sessantadue anni e da poco in pensione. Più che un fotografo naturalista mi considero un interprete degli ambienti naturali e del territorio. La mia attività, infatti, si concentra prevalentemente sugli habitat, sia quelli popolati da animali, sia quelli interpretati attraverso la fotografia di paesaggio. Tuttavia la mia ricerca non esclude altri ambiti, come l’osservazione del microcosmo e la più classica fotografia di reportage e viaggio. Dopo una breve passione giovanile, ho ripreso a fotografare con metodo e continuità solo dal 2012 e dal 2013 sono socio ASFA. Diversi i progetti esposti: nel 2014 “Dell’acqua e dell’aria” allo Spello Photo Fest e “Visione marine” a Roma al Convergenze Expo 2018. Quest’anno il progetto “ALI” è stato esposto a Rimini presso “Ruggiero cornici” e a luglio sempre a Roma al Convergenze Expo 2019. Ho partecipato a diverse mostre collettive e numerosi sono stati i riconoscimenti e i premi a concorsi nazionali e internazionali.

3 aggettivi per definirti
Curioso, appassionato, sensibile.

Che rapporto cerchi di instaurare con il soggetto che vuoi ritrarre?
Quando opero negli ambienti naturali ed in particolare quando fotografo gli animali e l’avifauna cerco di diventare invisibile attraverso l’uso di metodologie di mimetizzazione. In questi casi il rapporto con l’ambiente circostante è caratterizzato dal silenzio e dal profondo rispetto. Mentre con le persone ho più difficoltà e di volta in volta cerco di interpretare al meglio la situazione.

Come cogliere l’attimo giusto?
Essere capaci di un’osservazione profonda è fondamentale per cogliere gli attimi che contano. Un’altra abilità molto utile in molti generi fotografici è quella di “pre-vedere”. Prevedere non è solo il frutto di una particolare concentrazione e di una personale sensibilità, è anche e soprattutto la capacità di pianificare il lavoro attraverso la conoscenza dei soggetti e dei luoghi in cui si opera.

Quali sono i fotografi che ti hanno maggiormente ispirato nella tua carriera?
Sul fronte naturalistico sono moltissimi i fotografi che seguo con interesse e ammirazione, cito ad esempio Vincent Munier e Nick Brandt. Per altri generi fotografici dovrei fare un lungo elenco: Alex Web per l’uso del colore e Robert Frank invece per il bianco e nero. Per il reportage certamente Mc Cullin e per lo street Josef Koudelka. Fra gli italiani, come per molti appassionati della mia generazione, Luigi Ghirri e Mario Giacomelli. Seguo con interesse anche la fotografia contemporanea e i molti giovani che la interpretano artisticamente con grande efficacia comunicativa.

 

 


 

Se sei un Fotografo o un appassionato di Fotografia 
“La Maison e Lifestyle” ti offre un’opportunità unica:
diventare il protagonista della nostra nuova rubrica intitolata
“Il fotografo del mese”
Contatta la redazione al numero 0549 960 557
o invia una mail a: [email protected] (la pubblicazione è totalmente gratuita)


Clicca qui per visionare altri fotografi

Redazione

La Prima e Unica Rivista di Casa della Repubblica di San Marino e Circondario.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE