Home Sweet Home – Il legno

Il legno.

Bentornati cari lettori! In questo numero vi parleremo di uno dei materiali da costruzione più antichi utilizzati in architettura: il legno. Materiale sostenibile, da sempre utilizzato per le caratteristiche e i pregi che lo rendono unico nel suo genere: protegge dall’inquinamento acustico, atmosferico ed elettromagnetico, è economicamente vantaggioso, leggero, invulnerabile al sisma ma anche influenzabile dalle condizioni ambientali in cui si inserisce. In natura esistono diversi tipi di “essenze legnose” che vengono classificate in base alla provenienza geografica e alle caratteristiche meccaniche. Fra quelle europee citiamo il rovere, il noce, il frassino, il castagno, il ciliegio, l’acero, etc., mentre fra quelle esotiche ricordiamo l’iroko, il doussiè, l’afrormosia, il wengé, l’ebano, il mogano, il teak. In passato i legni esotici erano più utilizzati grazie alla loro longevità, dal momento che gli alberi delle zone tropicali, a causa dell’assenza delle stagioni, hanno una crescita pressoché continua e quindi presentano tessuti compatti e molto duri. Oggigiorno, invece, la scelta del legno da utilizzare ricade principalmente su legni di tipo europeo dal “kilometraggio” più basso e quindi dalla provenienza certa, in modo da diminuire la deforestazione selvaggia che è una delle principali cause della presenza di carbonio nell’atmosfera, ritenuta responsabile di quasi un quinto delle emissioni globali di gas serra. Salvaguardare le foreste significa tutelare il ciclo dell’acqua, l’aria e il clima. Il rovere, legno caldo ed elegantissimo grazie alle sue venature, i suoi nodi e le sue sfumature cromatiche, è senza dubbio il materiale più ricercato in questi ultimi periodi. Viene utilizzato come prima scelta per i mobili massicci e per impiallacciature, rivestimenti esterni, scale, pavimenti, porte e arredi vari. Collocato in una fascia di costo intermedia, caratterizzato da una buona durezza e da una discreta stabilità, per la sua struttura si presta molto a essere personalizzato tingendolo. Trattandosi di un legno che si lascia plasmare piuttosto facilmente dalle abili mani di un artigiano, può essere spazzolato, sabbiato, sbiancato, decapato e sottoposto a una serie infinita di lavorazioni. La tendenza degli ultimi anni è quella di imitare il legno utilizzando materiali nuovi quali il gres porcellanato, i laminati, il nobilitato, il pvc, che avremo modo di approfondire nei prossimi articoli.

Leggi anche: Home sweet home – L’uso del colore

Pierpaolo Saioni
Interior Designer

Pierpaolo Saioni Daniele Zavagnini

Interior design - Architettura

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!