In Casa di Boris e Mileidys

Un attico con vista mozzafiato sulla darsena riminese. L’appartamento di Boris e Mileidys è la sintesi della passione per l’arredamento e di quella per i viaggi, un mix di influenze cubane e statunitensi arricchite da sprazzi di art decò. Un luogo dove il design si sposa con l’esigenza di vivere gli spazi insieme ai bambini e agli amici. Un rifugio per l’estate sempre aperto agli amici. Elegante ma allo stesso tempo accogliente e creato per la famiglia. S’affaccia sulla darsena di Rimini l’attico di Boris e Mileidys, sammarinese lui, cubana trapiantata da oltre quindici anni in Italia lei, che hanno creato un piccolo gioiello a due passi dal mare, una delle tante passioni che li unisce. In ogni stanza c’è traccia delle loro esperienze, dei loro viaggi e della cultura di architettura e design cresciuta e coltivata nel tempo.

in-casa-di Boris Pelliccioni 3
ZONA LIVING
E’ la luce la protagonista indiscussa della zona living. Il candore del bianco brilla grazie alle ampie pareti finestre che illuminano tutta la zona giorno. Un ambiente, semplice, essenziale, impreziosito da oggetti ricercati e dal gusto raffinato. “Abbiamo una passione per l’art deco – spiega Boris – frutto anche dei nostri frequenti viaggi a Miami. Il design fine a stesso non mi interessa, ma cerco prodotti di qualità che seguano il nostro gusto e che siano funzionali”. Questo incrocio di passioni si traduce in un candido divano con scritte marinaresche, un candelabro e un lampadario dallo stile antico e, soprattutto, una poltrona in stile francese originale ed elegante. Il pavimento è di un rovere sbiancato che contribuisce alla luminosità dell’intero ambiente. A rompere lo stradominio del bianco è una libreria che emerge dalla parete, circondata da un bordo nero. “Anche questo è il frutto di un’attenta ricerca di prodotti – racconta Boris – dove legno e marmo si sposano. Amo i libri e il cinema e questo rappresenta senza dubbio un angolo molto particolare, che crea movimento”.

Non passa inosservato l’angolo bar.
“E’ un richiamo agli Stati Uniti. Amo stare con le persone e amo i momenti conviviali, e amo i liquori e i rhum. Per questo avere un punto di aggregazione per me è importante”.

in-casa-di Boris Pelliccioni 2

Un’ampia zona living, una cucina di dimensioni invece più ridotte.
“Avendo quello spazio a disposizione abbiamo preferito puntare su una zona living confortevole, sacrificando un po’ la cucina. La parete in mattoncini è molto in uso negli Stati Uniti: mi è sempre piaciuta come soluzione ma nelle precedenti case che abbiamo arredato abbiamo optato per altre scelte. Nel caso della cucina abbiamo preferito pensare alla comodità più che al design. Abbiamo tre bambini, è inutile creare un ambiente delicato, magari ricco di acciaio, se poi è difficile da vivere”.

Un’ampia zona living, una cucina di dimensioni invece più ridotte.
“Avendo quello spazio a disposizione abbiamo preferito puntare su una zona living confortevole, sacrificando un po’ la cucina. La parete in mattoncini è molto in uso negli Stati Uniti: mi è sempre piaciuta come soluzione ma nelle precedenti case che abbiamo arredato abbiamo optato per altre scelte. Nel caso della cucina abbiamo preferito pensare alla comodità più che al design. Abbiamo tre bambini, è inutile creare un ambiente delicato, magari ricco di acciaio, se poi è difficile da vivere”.

in-casa-di Boris

TERRAZZO
Il grande terrazzo in legno, a cui si accede spalancando le porte finestre della zona living, è forse il gioiello di questo splendido attico vista mare. “E’ uno degli ambienti che ci ha impegnato di più anche con i progettisti. Ho voluto mettere una grande vasca da godersi nelle sere d’estate. Bere un bicchiere di vino mentre si è nella Jacuzzi è un piacere della vita. Per poter mettere la vasca però abbiamo dovuto rinforzare il solaio perché è una vasca da sei persone che può contenere tremila litri di acqua, un peso notevole da sostenere”.

PIANO INFERIORE
L’appartamento è disposto su due piani. Se al primo piano troviamo la zona giorno, quella dedicata alla famiglia e aperta agli amici, sotto c’è la zona notte, quella più intima riservata alla vita di Boris e Mileidys e dei loro tre figli. Al piano inferiore si accede attraverso una scala a chiocciola, anche questa in rovere sbiancato. Fatta la scala si accede ad un piccolo living, minimalista, con pochi oggetti, ma non scelti a caso. “In questo ambiente abbiamo voluto mettere solo poche cose. Il divano è una reminescenza dell’Havana (ma acquistato a San Marino), dove sono stato almeno una quarantina di volte e da dove proviene mia moglie, che è in Italia dal 1996. Appese alle pareti ci sono delle stampe originali comprate a Miami, sono sette pagine di Life che raccontano il periodo di salita al potere di Fidel Castro”. Anche Miami ha avuto un’influenza notevole nella tua vita e nell’arredamento di questa casa. “Stiamo molto bene a Miami, c’è un tessuto sociale in cui ci troviamo a nostro agio. Lì i nostri figli più grandi (di 6 e 9 anni, il più piccolo ne ha solo 2) sono molto autosufficienti, possono godere di parecchia libertà. E si sono abituati a parlare spagnolo, che a Miami è la lingua più parlata”.

LE CAMERE
Dopo il living si accede alla camera da letto matrimoniale, che rispecchia lo stile del resto della casa: pochi oggetti, attentamente selezionati. “L’idea del letto a baldacchino è legata ai nostri viaggi in Oriente, in particolare in Vietnam, dove c’è un forte legame con la Francia e la sua storia. L’arredamento provenzale m’è sempre piaciuto. Anche la camera ha un terrazzo, come ogni stanza della casa. L’armadio non è molto grande, ma è una casa per l’estate e può contenere tutto quello che ci serve”. “Le camere per i bambini invece sono più semplici: una l’abbiamo presa da un’altra casa, l’altra l’abbiamo acquistata ma consapevoli che sono spazi in cui i bambini devono sentirsi liberi di muoversi”.

Redazione

La Prima e Unica Rivista di Casa della Repubblica di San Marino e Circondario.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!