La camomilla, le grandi virtù di un “semplice”

La camomilla è una pianta di uso molto comune, ma forse non tutti sanno che è riduttivo conoscerla soltanto come pianta rilassante. Poiché molto usata è anche molto studiata ed i risultati dei test, oltre a confermarne l’uso come blando sedativo, sono molto interessanti. Una prima indicazione sulle sue proprietà la si evince dal suo nome latino ”Matricaria Chamomilla”. Matricaria deriva da matrix che significa matrice, madre, utero: le sue virtù infatti sono principalmente rivolte al mondo femminile, al ventre ed all’apparato riproduttivo.

L’estratto acquoso (infuso) di questa pianta ha, infatti, uno spiccato effetto antispasmodico e può essere di aiuto in caso di mestruazioni dolorose, crampi gastrici ed intestinali. Ma le azioni dei principi attivi della camomilla non si limitano a questo: a questa “semplice” pianta sono attribuiti effetti lenitivi ed antinfiammatori nei confronti di tutte le mucose con le quali viene a contatto. Può essere allora usata in caso di gastrite, ulcera, colite, infiammazioni intestinali, costipazione e addirittura cistite. Usata per impacchi esterni è emolliente, antipruriginosa e lenitiva per gli occhi e la pelle arrossati. Alcune componenti dell’olio essenziale hanno una comprovata azione antibatterica, antifungina ed antiulcera gastrica.
Per trarre il massimo dalla camomilla, però, è bene sceglierne una di buona qualità, optando non per la varietà setacciata ma per quella che contiene i capolini interi del fiore.

Per info: Officina delle Erbe
Via Consiglio dei Sessanta, 153
Dogana – Rep. San Marino
Tel. 0549 909546
officinadelleerbe@alice.sm
www.officinaerbe.com