Sabrina Foschini

La Felicità capiente

Come il dolore anche la gioia deve essere sopportata: ha bisogno di cuori e menti capaci di tollerarla, necessita della pazienza che l’attende, dell’attenzione che la coglie nei dettagli, negli scampoli del giorno, della forza, infine, che la sa transitoria e l’accetta come tale, mentre la carne e l’anima vi si sono ormai abituati. La felicità è un compito non lieve, perché quando piove come grazia celeste va trattenuta o fatta evaporare con scienza e misura, deve essere sempre ricordata nei lunghi inverni dell’assenza e la ferita che il suo dipartire traccia non può essere fatta cicatrizzare ai soli e ai geli del deserto, ma lasciata umida e feconda, se si desidera che il canto trovi ancora una breccia e torni a dimorare nei corpi e negli spiriti. La mano di Sabrina Foschini possiede da sempre questo sapere, trattenuto nelle giunture delle dita e si muove con una certezza di sé coprendo tele e carte, oggetti e tessuti, lasciando soprattutto spazio allo snodarsi di un’esultanza di colori e forme, evocati sul bianco, su un nulla immenso, che è un inconscio luogo di attesa, una concavità simbolica. Sabrina conserva la saggezza dell’acquerello, della pittura vaporosa e leggera ma che pretende la perfezione immediata, la traccia senza ripensamento, così come la felicità deve essere accolta senza rimorsi o rimpianti: le cose lievi hanno un’etica esigente. Tutti i riferimenti sono perciò possibili: la pittura taoista, la calligrafia zen, l’immaginazione mitica di Paul Klee, i sogni zoomorfi di Vasilij Kandinskij, le forme delle nubi su cui rifletteva Leonardo da Vinci, lo spirito antico e moderno della grottesca, le architetture di Alexander Calder. Ma nessuna di queste sorgenti è offerta come una citazione colta, tutt’al più in forma di carezza, di sfioramento, di sottile allusione.Per quanto la scrittura verbale di Sabrina, in versi e in prosa, come poesia, narrazione lirica o critica d’arte, assume la forma di un moderno barocco, denso d’immagini sovrapposte e di rimandi circolari e carnali a un nucleo inafferrabile, dicibile solo nella metafora, così le sue scritture di colore hanno l’orgoglio sobrio delle arti minori, l’istinto della decorazione antica e dell’ornamento, private però dell’horror vacui occidentale, della cenofobia sacra del rito; sono piuttosto la perfezione del vuoto, l’elegante, gratuita retorica della capienza. Scrive Angelo Silesio: “La rosa è senza perché fiorisce perché fiorisce”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A cura di Alessandro Giovanardi, Critico d’Arte.
Artista: ABRINA FOSCHINI
[email protected]
cell. 340 3342949

Redazione

La Prima e Unica Rivista di Casa della Repubblica di San Marino e Circondario.

Related posts

Luca Di Bartolo

Luca Di Bartolo

3 Ottobre 2011

Gilberto Urbinati

Gilberto Urbinati

2 Giugno 2010

Emiliano Mecozzi aka Mek

Emiliano Mecozzi aka Mek

30 Novembre 2010

Francesco Zavatta

Francesco Zavatta

28 Gennaio 2010

Alessandra Mogorovich

Alessandra Mogorovich

30 Maggio 2011

Lisa Lazzaretti

Lisa Lazzaretti

29 Novembre 2011

La Maison e Lifestyle Magazine