Mamme con il coraggio di tasca

Romina Angeli, Life-Coach, ci parla del ruolo di madre da una nuova prospettiva

Osservare mia figlia di sette anni spingere il passeggino con sopra la sua bambola preferita, mi fa davvero tanta tenerezza. Sorrido e allo stesso tempo mi trattengo perché c’è una cosa che vorrei tanto dirle: essere mamma non significa solo prendersi cura dei propri figli dedicando loro tempo e attenzione o soddisfare ogni loro bisogno e richiesta. No, non è solo questo.
Voglio che lei abbia una buona opinione di me, non perché la stupisco al suo ritorno da scuola portandola in edicola o perché le faccio fare la festa di compleanno nel suo posto preferito. Se qualcuno da adulta le chiedesse “chi era tua madre? Che cosa ti ricordi di lei?”, vorrei che rispondesse “era una mamma gentile, non sminuiva le mie paure ma era pronta ad aiutarmi a superarle e non aveva problemi a raccontarmi le sue. Mi chiedeva scusa quando era il momento di farlo perché anche lei sbagliava. Aveva a cuore che io diventassi forte e per questo voleva che mangiassi poche schifezze e più cose sane, anche se io non ero contenta. Con lei parlavo tanto perché non mi sentivo giudicata. Aveva tanti sogni ed era molto coraggiosa”.
Ai giorni nostri, quello che a una madre non deve mancare è il coraggio. Coraggio deriva dal latino cor habeo che vuol dire avere cuore (ho cuore) e non è riferito solo alla virtù di affrontare il pericolo o l’incertezza, ma anche alla capacità di amare. Come mamma mi accorgo che oggi abbiamo tante paure: paura per la salute dei nostri figli, di non fare la scelta giusta, di non essere o fare abbastanza, di essere criticate e giudicate da chi si sarebbe comportato diversamente da noi. Spesso i pericoli che ci troviamo ad affrontare non sono “reali”. Concretamente, non c’è il rischio di andare a visitare una città con tutta la famiglia e doversi difendere dall’improvviso attacco di un leone! I timori odierni sono più subdoli e sottili. Basti pensare che siamo continuamente bombardati da notizie allarmanti, scenari e immagini di violenza, genitori arrabbiati e aggressivi con i propri figli, educatrici che picchiano bambini, ragazzi smarriti nella nebbia perché hanno perso i loro punti fermi. Questo fa da sfondo alla nostra quotidianità. Ecco perché una mamma deve avere coraggio e la cosa più coraggiosa che può fare è amarsi e accettarsi per quella che è, con le sue ombre e i suoi dubbi, ma con in tasca la volontà di superarli attraverso la consapevolezza che deriva da un profondo lavoro su se stessa.
È sempre possibile scegliere se trasmettere il proprio irrisolto e le proprie paure ai figli oppure rimboccarsi le maniche per crescere come madri (ma anche come donne) e sentirsi capaci di aiutarli quando si troveranno nella stessa situazione. La decisione è sempre la nostra e da questa scelta dipenderà l’esempio che saremo in grado di dare.

ROMINA ANGELI – LIFE COACH
T. 335 305794
www.rominaangeli.it

Redazione

La Prima e Unica Rivista di Casa della Repubblica di San Marino e Circondario.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE