Ristrutturazione di una villa sui colli riminesi

Il racconto di un intervento d’arredo di interni per risolvere problemi di spazio e rimodernare.

Il soggiorno con poca luce
Quando i proprietari di questa bella villa sui colli riminesi hanno acquistato la casa, essa era già completa di impianti generali e di distribuzione interna, oltre che di alcuni arredi fissi che la precedente proprietà aveva fatto fare su misura. La casa, immersa in un ampio giardino verde con alberi secolari, risultava abbastanza buia a causa delle fronde, nonostante le ampissime vetrate del soggiorno. Inoltre, oltre a soffrire della mancanza di luce naturale, la zona giorno mancava completamente di illuminazione artificiale.

Nuovo soffitto e nuova luce
Abbiamo scelto di ribassare una parte del soffitto con il cartongesso data l’abbondante altezza che lo permetteva, in corrispondenza della zona pranzo, ottenendo così un doppio risultato: dare risalto alle due aree, quella del salotto e quella del tavolo da pranzo e inserire faretti per illuminare il punto luce sul tavolo completamente inesistente.

Nuovo arredo
Il progetto su misura della parete TV è stato pensato riutilizzando le mensole di legno esistenti ancora valide e interessanti da recuperare, intramezzate e rivisitate in una composizione fatta di cubi con finitura laccata bianca e basi contenitore con i cassettoni a terra. Messa in soffitta la vecchia ed ingombrante TV a tubo catodico, ecco la quinta per l’inserimento del TV al plasma, libera lo spazio dei divani e si integra perfettamente nella composizione.

Importanza all’ingresso
La nuova situazione d’arredo ha previsto anche di dare maggiore importanza e delimitazione all’area d’ingresso, generosa ma tutt’uno con il soggiorno. La porzione di basi a terra prosegue e torna nell’ingresso trasversalmente definendo la zona. Un vetro fisso sopra l’elemento di arredo completa l’effetto separando, ma senza chiudere, la vista del soggiorno. Il tavolino antico, prima appoggiato in maniera un po’ approssimativa accanto alla porta d’ingresso, trova il suo spazio di schiena al vetro arredando l’ingresso.