Modifica preferenze cookie

San Marino che produce. Black Jack

Black Jack, tabaccheria con… sorprese.
Marilena Meloni ci racconta la sua passione per ferri e uncinetto

Marilena Meloni, assieme al figlio Federico Bagnasco, gestisce il Black Jack a Dogana Bassa, un negozio che è tabaccheria, edicola, cartoleria e articoli da regalo. Tra questi ultimi, molti sono accessori personali. E questa è forse la caratteristica più particolare di quest’attività. Certo: tabaccheria, edicola e cartoleria sono guidati da madre e figlio (e con la collaborazione di Simona) con grande savoir faire e attenzione al cliente e chi entra capisce subito che potrà trovare tutto quello che gli può essere utile, ma gli accessori personali che si trovano da Black Jack sono assolutamente unici. E non lo diciamo per dire: si tratta proprio di “cose” fatte a mano, una per una, da Marilena che è una donna dalla manualità straordinaria.

Black Jack tabaccheria e non solo

“Mi piace pensare a oggetti e accessori che posso proporre alle mie clienti per coccolarle un po’. Amo lavorare a maglia e all’uncinetto e così, quando ho un po’ di tempo, mi cimento nella creazione di manufatti, frutto della mia passione e che poi espongo nel nostro negozio. Nonostante le innumerevoli ore di lavoro che servono per “metterli al mondo”, il loro prezzo di vendita è davvero molto contenuto. Preferisco vederli come un mio “dono” personale per i clienti del negozio piuttosto che un mero business”. Bigiotteria, berrette, sciarpe, copertine, scialli, mantelle, borse, portacellulari… tutte realizzazioni manuali di Marilena. Tutti pezzi unici. Se esistesse un catalogo sarebbe infinito.

Marilena, da dove le arriva questa passione per ferri e uncinetti?

“Sinceramente non lo so, sono sempre stata così. Avevo dodici anni e vedevo mia nonna lavorare all’uncinetto. Ricordo che qualche tempo dopo un’amica di mia mamma veniva a lavorare a maglia a casa nostra… forse questi sono stati gli esempi che ho seguito ma ricordo di aver sempre “sferruzzato”, in vita mia”.

Pezzi originali tutti fatti a mano

Qual è l’accessorio che va di più in questo momento?

“Direi gli orecchini. Prima di tutto cerco di capire quali sono le tendenze moda del momento, poi prendo i pezzi che servono e comincio ad assemblare partendo dalle monachelle (i gancetti per l’orecchio), scelgo i vari tipi di perle oppure la trama a uncinetto che voglio utilizzare. Naturalmente ogni coppia di orecchini è diversa dall’altra. In questo momento hanno molto successo anche le custodie per ricaricare i cellulari che realizzo in feltro. Anche queste sono tutti pezzi unici. Berrette e sciarpe vanno tantissimo in inverno. Le clienti le amano perché possono trovarle solo da me e non nei classici negozi. Ne apprezzano l’alta qualità artigianale”.

Quanto lavoro ci vuole per una delle sue “opere”, per esempio una berretta che è un copricapo apparentemente facile da realizzare?

“Per completare una semplice berretta di lana, cioè senza disegni o inserti particolari, ci metto una giornata di lavoro. Quelle più complicate possono impegnarmi anche per due o tre giorni”. La creatività di Marilena non è solo nella “manualità del fare” ma anche nell’ideare. Infatti, molti dei suoi manufatti nascono da sue intuizioni.
“A San Valentino mi sono inventata dei portachiavi con cuori di cioccolato e cuoricini realizzati all’uncinetto. Per l’estate e per il Natale preparo delle candele che rifinisco con decoupage differenti a seconda della stagione. In negozio vendiamo anche dei pelouche. Sto pensando che sarebbe bello cucire loro addosso dei vestitini. Naturalmente ognuno diverso dall’altro”. Insomma, come avrete capito, entrare dentro il negozio Black Jack non è entrare in una semplice tabaccheria / cartoleria / edicola. C’è sempre qualcosa di originale da scoprire.

 

 

 

BLACK JACK

Redazione

La Prima e Unica Rivista di Casa della Repubblica di San Marino e Circondario.

La Maison e Lifestyle Magazine