Moda. Sexy scollature o scarponi militari? Gli “stili” per questa primavera/estate 2017

Al di là di colori e tessuti, quali saranno gli “stili” per questa primavera/estate?

Da New York a Milano da Londra a Parigi: quali gli stili che faranno tendenza nella primavera/estate 2017? Cominciamo dalle proposte per le più giovani. Sulle passerelle delle quattro principali piazze mondiali della moda, si sono visti molti vestiti con inserti trasparenti. Questi sembrano dominare la primavera/estate 2017: tantissimi modelli dei più noti e diversi stilisti sono stati impreziositi da inserti mesh, cioè trasparenti, oppure in pizzo o con lavorazioni all’uncinetto. C’è chi ha mostrato il classico tubino nero ma completamente velato sulla schiena giocando sull’effetto “vedo-non-vedo”. Una moda molto sexy, adatta però solo a chi ha un corpo tonico.
E sempre in tema di “osare”, c’è chi ha proposto vestiti per la sera con scollature o spacchi profondi, vedi i capi che la stilista libanese Elie Saab ha presentato a Parigi. Accompagnata da un immancabile tacco dodici, questa è un’altra tendenza molto amata dalle donne che vogliono sentirsi sexy e, ça va sans dire, anche dagli uomini.
Altra tendenza, che ha sorpreso molti, è stato l’utilizzo delle paillettes. Di solito sono un elemento che si tende a usare per guarnire vestiti adatti al capodanno e alle feste di quel periodo. Invece, soprattutto a New York, molti creativi le hanno utilizzate per i loro capi primaverili ed estivi. Vedremo con quanto successo nelle serate mondane dei prossimi mesi.
Athleisure e Military: Sono altre due tendenze che, anche queste piuttosto sorprendentemente, stanno resistendo nel corso del tempo. La prima, chiamata abitualmente athleisure per l’unione fra la praticità dei capi sportivi e un abbigliamento più formale, è nata “on the road” ed è stata subito adottata da molte stelle del cinema hollywoodiano e anche da molte “influencer” di blog e canali video anche non strettamente legati alla moda. Questo l’ha fatta preferire, nel tempo, a numerose “under 20” e adesso viene portata sulle passerelle persino da un marchio come Dior.
Il military prende spunto dalle divise degli eserciti di vari Paesi e di diverse epoche. Sono almeno sette anni che questo modo di vestire continua imperterrito ad appassionare a più riprese donne (soprattutto giovani) in ogni angolo del mondo. Sia nel taglio, che nei colori e negli accessori, questo stile che sembrerebbe più adatto a capi invernali, fa invece decisamente capolino anche nelle collezioni primaverili ed estive.
E, a proposito di ritorni, c’è da segnalare la ricomparsa in passerella delle ruches, cioè di quelle piccole strisce di tessuto arricciate che bordano gonne, colli e polsini di camicie. Reminescenze di un ottocento romantico e di una moda anni ’80 del secolo scorso che le aveva viste trionfare, si riprendono il loro spazio su diversi abiti che si arricchiscono di questo dettaglio.
Abbiamo parlato di anni ‘80? Pensavate che se ne fossero andati per sempre con le loro minigonne, le giacche senza forma e le spalline imbottite? Neanche per idea. Marchi prestigiosi come Yves Saint Laurent, Balenciaga e Moschino hanno voluto rilanciarli per forza. E adesso non potrete sfuggire all’effetto “nostalgia”.


Leggi anche: Rosse aggressive, o romantiche tortore?

Redazione

La Prima e Unica Rivista di Casa della Repubblica di San Marino e Circondario.

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!